× Home Aree di intervento Adolescenza Ansia e attacchi di panico Coppia Crescita personale Depressione e disturbi dell'umore Disabilità e BES Disturbi di personalità Famiglia Genitorialità Psicologia, Psicoterapia e Psicoanalisi Progetti Gruppi di condivisione e sostegno psicologico per adolescenti Incontri di intervisione TiAscolto - Servizio di Ascolto e Consulenza Psicologica Collaborazioni News


,  

#InTheMiddle: Pseudo-separazione e adolescenza

Dalle esperienze che mi riportano gli adolescenti di genitori separati che arrivano in consulenza per problematiche di vario genere o su richiesta dei propri genitori, il racconto che emerge più spesso riguarda la percezione di sentirsi nel mezzo della relazione di coppia.

Questo vissuto è da considerarsi "normale" in una fase transitoria di riorganizzazione familiare: mentre gli ex-coniugi sono impegnati, in questa fase, nel ricostruire un nuovo assetto interno e come coppia genitoriale, attraverso un processo paragonabile all'elaborazione del lutto, il figlio adolescente può trovarsi a dover consolare o sostenere uno o entrambi i genitori.

A volte però questa fase si prolunga negli anni e la famiglia sembra faticare a ritrovare un equilibrio nuovo; in questi casi parliamo di pseudo-separazione, come "una separazione incompleta sul piano psicologico nella quale il figlio rappresenta il collante che tiene uniti i genitori." (Andolfi, 2007)

Anche dopo diversi anni dalla separazione legale, infatti, può risultare spesso complesso per ciascun coniuge gestire la separazione interna/emotiva e questo ha un impatto molto forte su tutto il sistema familiare.

La mancata elaborazione del "lutto" derivante dallo sciolgimento del patto di coppia coniugale ha effetti disastrosi, infatti, non solo sugli ex-coniugi e i figli ma soprattutto sulla genitorialità e sulla co-genitorialità.

Nel figlio adolescente, in particolare, il permanere di questa funzione di collante nel tempo, in un momento di sviluppo nel quale si trova impegnato nel ridefinire la propria identità attraverso un percorso fatto di ambivalenza tra bisogno di sentirsi autonomi e dipendenza dai genitori, può condizionare fortemente tale processo e tramutarsi in un vissuto di incastro, iperresponsabilità e scarsa libertà.

In queste situazioni, la rigidità e il perdurare nel tempo di tale posizione fa venire meno la possibilità dell'adolescente di muoversi tra bisogno di appartenenza e separazione dai genitori, ed è costretto a sbilanciarsi verso l'una o l'altra parte senza la possibilità di sperimentarsi in funzioni e posizioni diverse (non è insolito in questi ragazzi, ad esempio, ritrovare bocciature o al contrario, un controllo ossessivo del rendimento scolastico).

La difficoltà per un adolescente di spostarsi da questa posizione rigida e tornare a fare il figlio non è determinata solo dal permanere della richiesta di accudimento/sostegno da parte di uno o entrambi i genitori, quanto piuttosto dal vantaggio che ne deriva.

Gli adolescenti nel mezzo, infatti, possono sentirsi "appesantiti" nella loro posizione, ma anche gratificati dal fatto di essere considerati più grandi, oppure dalla possibilità di fare cose che ai loro coetanei non è permesso, ecc. Tutto ciò al fine di appagare, anche solo momentaneamente quel bisogno di riconoscimento e di "essere visti" dai genitori, sempre vivo nei figli, e che una coppia pseudo-separata può non riuscire ad appagare.

L'adolescente che non può fare richieste da figlio, però, attraverso questa illusione di essere grande, autonomo, indipendente potrebbe rinunciare a parti di sè importanti, crescere incapace di saper chiedere aiuto o di capire di cosa ha bisogno, pensare di avere poche alternative possibili, utilizzare la stessa funzione di collante in tutte le altre relazioni significative o addirittura rimanere "figlio nel mezzo" per tutta la vita.

Per questo è importante aiutare la coppia pseudo-separata ad elaborare la nuova condizione familiare e a tornare ad investire nella propria funzione genitoriale e nella co-genitorialità in modo da permettere agli adolescenti, durante la fase di separazione, di continuare a fare i figli con la fiducia nei propri genitori di poter essere sostenuto, accolto e visto nei suoi specifici bisogni.

Dott.ssa Serena Russini

Per informazioni o appuntamenti tel: 3287478390 oppure mail: sere.russini@gmail.com


adolescenti separazione


Prenota contatto

Dove ci trovi

Contattaci

Dott. Mirco Goro: +39 3475486076

Dott.ssa Serena Russini: +39 3287478390